Investi il tuo denaro con saggezza

il blog di finanza personale e libertà finanziaria

VAI ALL'INTRO
Investiamo.biz

Primo passo: risparmiare!

Il primo passo nel cammino verso la libertà finanziaria, o per farla più semplice, verso il mondo degli investimenti, è crearsi un capitale da investire. Ecco qualche suggerimento.
come-risparmiare-ogni-giorno

E’ evidente che per muovere i primi passi nel mondo degli investimenti occorre avere un capitale da investire, senza il quale viene a mancare la materia prima, a meno che non si parli di investimenti a leva, allo scoperto, cessione di contratti ed altro, temi questi non trattati in questo articolo e senz’altro non appannaggio di investitori alle prime armi.

Assodato quindi che abbiamo bisogno di un capitale per iniziare ad investire, vedremo una serie di suggerimenti o per meglio dire una disciplina della quale un aspirante investitore si dovrebbe dotare.

I suggerimenti proposti non terranno  in considerazione l’eventualità di creare denaro attraverso altri lavori, in quanto l’obiettivo della libertà finanziaria è quello di fare in modo che il denaro lavori per noi e non il contrario. Quindi, iniziare un lavoro serale o fare delle attività su internet da casa ad esempio, benché potrebbero essere utili allo scopo, non verranno appositamente trattati.

Il primo suggerimento, tanto scontato quanto importante è quello di risparmiare, modificare il proprio stile di vita, fare qualche rinuncia, ottimizzare i propri costi. Questo non va interpretato come una privazione, ma come l’inizio del primo passo verso una maggiore ricchezza.

A meno che tu non riesca già a risparmiare una certa somma di denaro – mediamente – ogni mese, occorre che analizzi i tuoi costi per capire le eventuali strategie per ridurli.

Se già il tuo stipendio o i tuoi introiti sono già tirati all’osso per coprire le spese irrinunciabili tue e della tua famiglia, allora probabilmente non avrai grossi spazi di manovra in quanto sei già finito nella corsa del topo (ndr La Corsa del Topo di Robert Kiyosaki).

Diversamente potrai decidere di adottare delle strategie per risparmiare qualcosa sugli svaghi, il cinema o l’abbigliamento, spese fisse, veicoli etc,  scegliendo consapevolmente di ridurne quantità e costi. Possiamo inoltre risparmiare sui consumi, sulle bollette e sui vari contratti.

L’obiettivo è quello di riuscire, magari ogni mese, a destinare una quota di denaro per gli investimenti.

Vediamo i primi 3 consigli:

1 – Contrastare l’emotività negli acquisti.

Diversi studi dimostrano come le decisioni di acquisto siano dettate maggiormente dalle emozioni seppur non in maniera consapevole.

Ormai tutti sappiamo quanto il marketing e la comunicazione, per non dire la PNL, giochi un ruolo importante nelle vendite dei prodotti.

Per cercare di difendersi dagli impulsi inconsapevoli indotti da queste sofisticate strategie si può adottare la regola delle 24 ore. Ogni qualvolta ci troviamo davanti al desiderio di perfezionare un acquisto per qualcosa che non rappresenta una necessità primaria, il nuovo telefonino od un capo di abbigliamento del quale potremo fare a meno ad esempio, dovremo lasciare passare almeno 24 ore da quando vediamo il prodotto desiderato nel negozio, che sia reale o virtuale poco importa. Dopo 24 ore se ancora saremo convinti delle ragioni che ci hanno portato a decidere di acquistarlo potremo procedere. Noterai che la maggior parte delle volte, una volta attenuata l’emotività del momento, riconsidereremo la scelta.

 

2 – Fai acquisti quando non ne hai bisogno.

Questa affermazione potrebbe sorprenderti. Potrebbe addirittura sembrarti che sia in netta contraddizione rispetto al punto precedente. Ma leggi tutto il paragrafo e cambierai idea.

Spinti dal bisogno di acquistare un nuovo articolo di abbigliamento, ad esempio una camicia per l’ufficio, davanti alla reale constatazione che le nostre camicie sono arrivate a guadagnarsi il meritato riposo, forse sarai portato ad entrare nella prima camiceria che incontri, e giustificando l’acquisto con la motivazione che in effetti nei hai davvero bisogno, ne comprerai un paio senza troppo badare al prezzo.

Se invece ogni tanto farai attenzione alle offerte che potresti trovare nei vari negozi di fiducia, o ancor meglio fare attenzione ai periodi di saldo, potresti comprarti una camicia ad un prezzo molto conveniente, anche se in quel momento potresti non sentirne il bisogno immediato. Non sarà una spesa inutile o denaro buttato ma solo un investimento. Dopo un po di tempo metterai a riposo una vecchia camicia e prenderai dall’armadio il tuo affare!

Questa strategia può essere ampliata ad una lunghissima lista di articoli e prodotti e alla fine dell’anno potresti aver risparmiato una bella somma.

 

3 – Fai una periodica revisione di tutti i tuoi costi.

Il mercato dei servizi e in forte concorrenza. I prezzi di assicurazioni, mutui, utenze etc sono in continua revisione. Potremmo scoprire che l’abbonamento per la connessione ad internet che stiamo pagando una certa cifra da un anno è sceso del 30%. Lo stesso gestore, dietro richiesta, potrebbe offrire un riposizionamento commerciale oppure potremmo direttamente cambiare gestore. La stessa cosa è applicabile alle assicurazioni, utenze domestiche, etc.

E’ opportuno rivedere periodicamente tutti i nostri contratti e verificare come risparmiare. Alla fine dell’anno potrebbe rimanerci in tasca una discreta cifra.

Alla prossima.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *